Io con te…Io senza te…

Cover Opuscolo PalliativeIl Gruppo di Lavoro “Cure Palliative e Terapia del Dolore”, con la collaborazione di altri colleghi, ha promosso e supervisionato la realizzazione di questo opuscolo dal titolo “Io con te… Io senza te…”. L’opuscolo è rivolto ai bambini, nella fascia d’età tra i cinque e i sette anni, ideato per introdurre il tema della morte e della mortalità nel mondo emotivo dell’infanzia.

Lo scritto, di poche pagine, è stato realizzato per essere un ausilio pratico rivolto agli adulti per poter affrontare, con il bambino, il tema della separazione e della perdita e il conseguente vissuto attraverso l’espressione delle sue emozioni.

Attraverso l’esperienza del gioco, sarà possibile individuare i volti dei personaggi e assegnare loro emozioni differenti e questo permetterà al bambino di strutturare le proprie cognizioni in relazione all’evento stressante che sta vivendo, componente essenziale per la continuità del Sé.

Introducendo il concetto del legame che continua anche dopo la morte di una persona cara, si promuoveranno le abilità del bambino attivando le risorse corrispondenti alla fase del ciclo vitale.

Strutturato in tre parti, nella prima si introducono, a favore dell’adulto, gli stadi evolutivi del bambino con le corrispondenti risorse presenti; è seguita dal racconto della storia illustrata dove il bambino sarà aiutato a riconoscere le emozioni attraverso le rappresentazioni grafiche delle emozioni di base; nella terza parte infine, con un taglio maggiormente pedagogico, si riportano in punti specifici le istruzioni per una buona comunicazione e buone pratiche di comportamento.

Obiettivo ulteriore e auspicabile dell’utilizzo dell’opuscolo è quello di inserire un elemento sostenibile di riflessione nelle famiglie rispetto al  tabù della morte e del morire, a cui è legato spesso un ambiguo silenzio che amplifica le conseguenze dell’esperienza del lutto, aprendo alla possibilità di esiti psicopatologici. Aprire alla possibilità del dialogo sul tema della morte e del morire, soprattutto con i bambini, permette alle figure di accudimento di accompagnare i propri figli verso un confronto con esperienze inevitabili della propria vita, in uno spazio di condivisione e ascolto reciproco che valorizza nello stesso tempo la comprensione del legame che resta.

Di seguito puoi scaricare l’ebook ed utilizzarlo anche nella pratica clinica.