News Psicologi

Coronavirus, Dpcm del 4 marzo 2020

Stop a eventi che non consentono il rispetto della distanza di sicurezza di un metro. È possibile continuare attività libero-professionale

Coronavirus, Dpcm del 4 marzo 2020

È entrato in vigore il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 4 marzo 2020, contenente alcune prescrizioni per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus.

Il dispositivo normativo non contiene misure potenzialmente in grado di limitare l’attività libero professionale degli psicologi, che potranno dunque continuare a ricevere pazienti presso i propri studi. 

Nel caso di studi associati o di studi presso cui operano contemporaneamente più professionisti, la sala d’attesa, ove presente, dovrà essere strutturata in modo tale da garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro come previsto nell’allegato 1, lettera d) del DPCM. Nelle sale di attesa devono inoltre esserci soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani in conformità alle disposizioni di cui alla direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione n. 1 del 25 febbraio 2020.

Tra le misure adottate dal Governo, vi è la sospensione con efficacia immediata e fino al 3 aprile 2020 di tutte le riunioni, congressi e meeting che prevedano affollamenti di persone e per le quali non sia possibile garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro

Per tale ragione gli psicologi che avessero organizzato eventi rivolti ad una pluralità di persone, ad esempio attività seminariali o incontri rivolti a gruppi, sono vivamente invitati a verificare l’applicabilità della misura minima di sicurezza; in caso contrario l’incontro non potrà avere luogo e dovrà essere rinviato ad altra data.

Sospese, tra altre attività, la didattica nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle Università, con l’esclusione dei corsi post-universitari connessi con l’esercizio di professione sanitarie e le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie.

Ribadita la raccomandazione, per le persone anziane o affette da patologie croniche, multimorbilità o con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire di casa, se non per stretta necessità.

Viene infine raccomandata, su tutto il territorio nazionale, l’applicazione delle seguenti misure di prevenzione igienico-sanitarie:

 

a)  lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b)  evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) evitare abbracci e strette di mano;

d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

f) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

g)  non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h)  coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i)   non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

l)   pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Testo integrale del Dpcm sul Sito web della Presidenza del Consiglio dei Ministri

 


Domande frequenti

Ho organizzato un evento/corso di formazione per i prossimi giorni che prevede la partecipazione di più persone. Devo annullarlo?

Il Dpcm del 4 marzo 2020 prescrive la sospensione di tutte le iniziative come riunioni, meeting, corsi, etc. che prevedano affollamenti di persone non in grado di rispettare la distanza di sicurezza minima di un metro. Se tale misura minima di sicurezza non è garantita o non può essere verificata, l’incontro dovrà essere annullato.

Devo sospendere il ricevimento dei pazienti presso il mio studio? 

No, è possibile continuare a ricevere pazienti presso il proprio studio.

Devo sospendere le sedute di gruppo?

No, se è possibile garantire il rispetto della distanza minima di sicurezza di un metro è possibile continuare a condurre terapie di gruppo o incontri che prevedano la partecipazione di più utenti.

Ci sono degli accorgimenti da adottare nella pratica quotidiana?

È possibile attenersi alle raccomandazioni citate nell’allegato 1 del decreto.

Sto svolgendo il tirocinio per l’accesso all’Esame di Stato (o quello previsto nell’ambito del percorso di specializzazione in psicoterapia). Devo interromperlo?

No, il decreto esclude espressamente dalla sospensione i corsi post-universitari connessi con l’esercizio di professione sanitarie e le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie.

 

 

Approfondisci questi argomenti: