Corso sullo startup professionale

 

L’iscrizione ad un Ordine rappresenta senza dubbio il primo atto significativo della carriera di un professionista. Questo momento può portare con sé, da un lato l’orgoglio di far parte di una categoria professionale, con tutto l’entusiasmo che ne consegue, dall’altro una normale sensazione di disorientamento causata della naturale difficoltà di interpretare un nuovo ruolo.

Se l’essere un professionista porta alla possibilità di identificarsi con un gruppo di colleghi, condividendo con loro il senso di appartenenza alla categoria, è possibile che si fatichi a comprendere il senso stesso della funzione ricoperta. L’evidente difficoltà iniziale si riscontra nell’alto tasso di frequenza con cui una certa tipologia di domande viene posta, in modo reiterato, all’Ordine attraverso i vari canali ufficiali. Molte delle richieste, infatti, riguardano questioni di carattere fiscale e legale relative all’attività stessa dei “liberi professionisti”.

Un’ulteriore buona parte delle richieste riguarda in maniera più o meno diretta questioni di carattere deontologico. È noto che i sei atenei laziali, nei propri corsi di laurea, non trattano in modo diretto e specifico il Codice deontologico e i risvolti pratici che questo ha nell’attività professionale. Ulteriore aspetto di criticità, per chi inizia a lavorare, è dato dalla difficoltà di autopromuoversi all’interno di un mercato spesso saturo e sempre più competitivo. L’autopromozione è lasciata alla capacità individuale del professionista e risulta come elemento totalmente assente praticamente in tutti i percorsi formativi di primo e di secondo livello.

Per far fronte a tali criticità e per fornire strumenti di base per orientarsi nel mondo della libera professione, l’Ordine organizza ciclicamente un Corso sullo start up professionale al quale possono partecipare tutti coloro che, iscritti da poco all’Albo, ricevono un apposito invito per posta elettronica e si prenotano seguendo le indicazioni ricevute.


Il Corso sullo startup professionale è articolato in due giornate, che si svolgono secondo questo programma:

Prima giornata

9:00 | Registrazione dei partecipanti

9:30 – 10:00 | Saluti del Presidente

10:00 – 13:00 | Marketing e autopromozione (Nicola Piccinini)

  • L’analisi dell’offerta e della domanda di servizi psicologici in Italia
  • I mutamenti sociali in atto: come trasformare le minacce in opportunità
  • L’individuazione delle nicchie di servizio
  • La definizione del proprio valore di servizio e degli elementi distintivi
  • La definizione della strategia di Personal Branding: competenza, visibilità e networking
  • Il network marketing e sviluppo della rete inviante
  • Internet e Social Media Marketing

13:00 – 14:00 | Pausa

14:00 – 16:00 | Gli aspetti fiscali dell’attività professionale (Angelo Ficorella)

  • L’avvio dell’attività libero professionale dello psicologo e gli obblighi fiscali
  • La scelta del regime fiscale
  • L’apertura della partita IVA
  • La corretta metodologia di fatturazione
  • La tenuta dei documenti contabili e dei registri fiscali
  • La determinazione del reddito di lavoro autonomo
  • Dichiarazioni fiscali, imposte, studi di settore e novità del periodo

16:00 – 18:00 | Assistenza e previdenza per psicologi: pensione, malattia e servizi (Federico Zanon)

  • L’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi
  • Il versamento dei contributi
  • I servizi che l’ENPAP offre al professionista
  • Il sistema dei contributi da versare e della pensione
  • Le dinamiche di incremento del risparmio

Seconda giornata

8:45 | Registrazione dei partecipanti

9:00 – 11:00 | Gli aspetti legali dell’attività professionale (Antonio Cucino)

  • La legge professionale 18 febbraio 1989, n. 56
  • Cenni sulla responsabilità professionale dello psicologo
  • Il Codice deontologico degli Psicologi: aspetti legali
  • Orientamenti giurisprudenziali in ambito deontologico-disciplinare

11:00 – 13:00 | La deontologia professionale (Pietro Stampa)

  • La riflessione etica e il suo rapporto con l’esercizio delle professioni
  • La deontologia come dimensione regolamentare della riflessione etica
  • Le regole e il problema dell’interpretazione
  • Tipi di regole e loro rapporto con i contesti di intervento degli psicologi
  • La rilevanza dell’etica nella storia e nello sviluppo delle professioni

13:00 – 14:00 | Pausa

14:00 – 17:00 | La deontologia professionale (Pietro Stampa)

  • Specificità etica della professione di psicologo
  • Il rapporto fra etica professionale, diritto e operatività psicologica
  • Il Codice deontologico degli psicologi italiani: presentazione ragionata
  • L’attività deontologico-disciplinare dell’Ordine
  • Casistica deontologica con esempi di situazioni tipiche

Relatori

Nicola Piccinini, Presidente dell’Ordine Psicologi del Lazio, è uno psicologo sociale, docente e consulente in personal marketing per lo psicologo. Si occupa di social media, sviluppo web e avvio d’impresa. Supporta gli psicologi nell’avvio, nella promozione e nello sviluppo della loro attività libero professionale o associativa. È Consigliere CIG ENPAP dal marzo 2013.

Angelo Ficorella, Dottore Commercialista e Revisore legale dal 2007, supporta e presta la propria attività in favore di professionisti, imprese, enti pubblici, privati ed enti del terzo settore. Libero professionista dal 2007 presso lo studio “Ferrari & Associati – Studio Legale e Commerciale” consulente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

Federico Zanon è il Vicepresidente ENPAP. Psicologo e psicoterapeuta, laureato in Psicologia e in Filosofia e Specialista in Psicologia Clinica. Dirige un centro per la cura delle dipendenze patologiche e da diversi anni affianca alla sua attività professionale l’interesse per la previdenza dei liberi professionisti. Dal 2009 al 2013 è stato consigliere di indirizzo ENPAP e dal 2013 sono consigliere di amministrazione e vicepresidente.

Antonio Cucino, avvocato del Foro di Roma, consulente della Commissione deontologica e del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi del Lazio; penalista, matrimonialista, esperto di problematiche minorili.

Pietro Stampa, Vicepresidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. Psicologo di formazione psicoanalitica, libero professionista, fin dagli anni 1980 ha ricoperto incarichi direttivi nell’associazionismo scientifico e professionale; eletto nei 1994 al primo Consiglio dell’Ordine, ha poi fatto parte fino al 2006 della Commissione Deontologica; già docente di Psicologia delle organizzazioni e delle istituzioni nell’Università di Chieti, è co-editor della Rivista di Psicologia Clinica e autore di numerosi articoli e co-autore di due volumi su temi clinici ed etici.