Senza categoria

Partecipa ai Gruppi di Lavoro per la Psicologia nella sanità laziale

Partecipa ad uno dei gruppi di lavoro

Partecipa ai Gruppi di Lavoro per la Psicologia nella sanità laziale

Care Colleghe, cari Colleghi, buongiorno.

Durante la giornata del 14 ottobre scorso, sulla Psicologia nella sanità laziale, abbiamo individuato diverse criticità, alcune molto importanti, ed alcune opportunità e percorsi su cui poter lavorare. Abbiamo soprattutto condiviso che tale lavoro sarà tanto più efficace quanto più riusciremo a metterci in rete, a sviluppare un percorso comune e partecipato.

Per tale ragione ti invitiamo a partecipare ai gruppi di lavoro qui proposti. Leggi la proposta di attivazione ed iscriviti al gruppo di tuo interesse.

L’obiettivo era e rimane quello di valorizzare la funzione psicologica e di rilanciare il ruolo dello psicologo nella sanità laziale.

E tale esito deriverà anche dalla nostra capacità di elaborare una proposta condivisa e valida di organizzazione dei servizi psicologici nella sanità laziale.

 

La proposta di lavoro per i prossimi 12 mesi

 

Ti presentiamo il percorso di lavoro nei suoi 4 step principali:

  1. attivare alcuni gruppi di lavoro, su tematiche specifiche, con obiettivi e tempistiche di consegna prestabilite. Tali gruppi lavoreranno da Novembre 2016 a Febbraio 2017;
  2. organizzare un nuovo incontro in plenaria Venerdì 10 Marzo 2017 in cui i vari gruppi di lavoro restituiscono in modo strutturato l’esito del lavoro svolto. Di ricerca, analisi, riflessione, valutazione, progettazione;
  3. formare una squadra selezionata di colleghi che avrà il compito di integrare tutta l’intelligence prodotta, all’interno di una proposta complessiva e di sistema di ri-organizzazione dei servizi psicologici nella sanità laziale. Tale gruppo lavorerà da Marzo a Settembre 2017, tenendo comunque in rete e nel processo i rimanenti colleghi;
  4. organizzare un importante convegno ad Ottobre 2017, con il Governatore Zingaretti e tutti i principali stakeholder politici, amministrativi e professionali della Regione Lazio per sottoporre all’attenzione una articolata proposta di ri-organizzazione dei servizi di Psicologia nella sanità laziale. Proposta precedentemente negoziata tra noi, che rappresenti la gran parte delle istanze, ancorata a normative, impatto economico, dati e sostenibilità organizzative

Unitamente al percorso qui rappresentato, certamente emergeranno – trasversalmente ai gruppi di lavoro – alcune criticità tattiche e di breve termine su cui l’Ordine, ben prima del convegno di Ottobre 2017 potrà valutare se e come attivarsi nell’immediato.

 

I 4 gruppi di lavoro

 

Passo a presentarti i gruppi di lavoro individuati.

Nei primi 3 gruppi trovi obiettivi e calendario degli incontri. Il gruppo 4 verrà composto a chiamata diretta, sulla base di valutazioni emerse durante la giornata di workshop.

Quale che sia il gruppo, grazie al supporto organizzativo dell’Ordine, tutti i partecipanti sapranno chi partecipa a quale gruppo, e tutti i gruppi verranno nel tempo tenuti allineati rispetto a documenti e stato avanzamento lavoro degli altri.

Questi i gruppi di lavoro, con rispettivi obiettivi di consegna entro fine Febbraio 2017, ovvero da restituire nella plenaria di Marzo 2017:

  1. Formazione e aggiornamento (Mar 6 DIC, ore 15 // Ven 13 GEN, ore 14.30 // Ven 10 FEB, ore 14.30)
    1. produrre una proposta di aggiornamento del profilo di competenze dei colleghi che operano in sanità, sia rispetto a competenze psicologiche utili a rispondere alle mutate domande di intervento dei cittadini, sia rispetto alle competenze abilitanti e trasversali. Parallelamente mappare le risorse formative già presenti e disponibili nell’area riservata del sito web dell’Ordine e quelle su cui, invece, l’Ordine potrà attivare nuovi percorsi formativi a vantaggio dei colleghi;
    2. organizzare per l’anno 2017 un ciclo di seminari diretti agli iscritti all’Ordine in cui passare conoscenze, competenze, esperienze di psicologia nella sanità laziale (passare il testimone), tale ciclo dovrà provare a coinvolgere anche le Scuole di Psicoterapia;
    3. collaborare con la Commissione Università per un più proficuo confronto con le Facoltà di Psicologia del Lazio.
  2. Impatto economico (Mar 6 DIC, ore 15// Ven 13 GEN, ore 14.30 // Ven 10 FEB, ore 14.30)
    1. individuare ed analizzare la letteratura scientifica di riferimento sulla cost-effectiveness dell’intervento psicologico (la psicologia fa risparmiare);
    2. mappare gli eventuali progetti ed iniziative regionali, di colleghi, che hanno prodotto dati ed esperienze in tal senso;
    3. tracciare e documentare il valore economico delle prestazioni erogate dai colleghi nelle rispettive strutture, attingendo alle varie fonti e basi dati disponibili;
    4. focalizzare 2 o 3 possibili aree/progetti di ricerca su cui lavorare, che per livello di impatto economico e per condizioni ambientali (organizzative, politiche, territoriali, di rete, ecc…) maggiormente favorevoli possono divenire proposte concrete su cui attivarsi come Ordine e come comunità.
  3. Normative di riferimento (Mar 13 DIC, ore 15 // Ven 20 GEN, ore 14.30 // Ven 17 FEB, ore 14.30)
    1. individuare le normative nazionali e regionali che prevedono lo psicologo, ma non sono attuate (affiancamento consulente legale dell’Ordine);
    2. individuare le normative nazionali e regionali che prevedono di fatto la funzione psicologica, ma neppure citano la presenza dello psicologo (affiancamento consulente legale dell’Ordine);
    3. mappare i vari tavoli regionali su cui entrare a presidio come Ordine;
    4. analizzare, dal punto di vista formale e normativo, i vari Atti aziendali ed organizzativi, circolari, ecc… che in questo periodo storico stanno modificando la sanità laziale e impattando a vari livelli sulla Psicologia e sugli psicologi.
  4. Identità professionale e organizzazione dei servizi di Psicologia (Ven 18 NOV, ore 14.30 // Mar 13 DIC, ore 15 // Ven 20 GEN, ore 14.30 // Ven 17 FEB, ore 14.30)
    1. definire il contributo – specifico e trasversale – della Psicologia nella sanità regionale, elencando i contributi della funzione psicologica sia rispetto alle mansioni attualmente riconosciute allo psicologo ma non in grado di poter essere espresse al meglio, sia rispetto alle aree scoperte in cui invece il contributo dello psicologo sarebbe determinante ed in tal caso argomentando sia i vincoli che hanno e stanno rendendo impossibile tale presenza, sia i vantaggi che ciò genererebbe;
    2. produrre una fotografia quantitativa degli psicologi nelle varie strutture sanitarie regionali (con specifiche su fasce anagrafiche, tipologie di contratto, funzioni svolte, oltre alla clinica, ecc…), dati poi utili per qualsiasi tipo di interlocuzione politica ed istituzionale. Ciò anche attingendo a tutta la rete di colleghi distribuiti sul territorio che potranno adoperarsi in tale rilevazoine (e con supporto staff tecnico dell’Ordine);
    3. produrre una prima bozza di possibile ri-organizzazione dei servizi di Psicologia entro il sistema sanitario regionale.

Gli obiettivi dei 4 gruppi di lavoro, qui presentati, sono di partenza e verranno comunque negoziati durante il primo incontro di ciascun gruppo.

I primi 3 gruppi si vedranno – di base – tre volte tra Dicembre e Febbraio. In base ad esigenze specifiche e disponibilità possibili potremo aumentare il numero di incontri di uno o più gruppi. Il 4° gruppo – a chiamata diretta – avrà un ritmo di incontri leggermente più assiduo.

Come detto, l’obiettivo è quello di arrivare alla plenaria di Venerdì 10 Marzo 2017 con tutta l’intelligence disponibile, far partire poi un nuovo percorso di lavoro – da Marzo a Settembre 2017 – che porti ad integrare il tutto in un quadro di proposta condiviso.

A fine Ottobre 2017 organizzare poi un importante convegno con la presenza di Zingaretti e di tutti gli interlocutori strategici al percorso.

Nell’occasione gli psicologi del Lazio – in modo compatto – presenteranno la loro proposta di “Psicologia nella Sanità laziale”, argomentandone le ragioni cliniche, le ragioni di impatto economico, le normative di riferimento, ancorando tutto ciò a numeri concreti di sostenibilità ed opportunità.

 

Partecipa ad uno dei gruppi di lavoro

 

Questa iniziativa risulterà tanto più forte ed efficace, quanto più alta sarà la partecipazione attiva dei colleghi.
Individua quindi tra i primi tre gruppi di lavoro, quello di tuo interesse e dove senti di poter apportare un contributo sostanziale, verifica la disponibilità delle date in agenda, dopodiché compila il modulo sottostante ed inviaci la tua richiesta di partecipazione.

Ti ringraziamo per la collaborazione ed il sostegno a tale iniziativa.

Buon lavoro,
Nicola Piccinini