Comunicati stampa

Caso Enpap, Piccinini: “Con nuovo Cda risposte decise agli errori del passato”

«Prendiamo atto della sentenza di condanna emessa dalla Corte dei Conti nei confronti dell’ex presidente Enpap, giudicato nell’atto della compravendita dell’immobile di via della Stamperia “palesemente infedele o incapace”. A questo proposito, riteniamo opportuno evidenziare come il nuovo Cda abbia avviato una decisa azione di cambiamento, orientata alla massima correttezza e trasparenza nella gestione delle funzioni amministrative». Lo dichiara Nicola Piccinini, presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, all’indomani della decisione dei giudici contabili di condannare Angelo Arcicasa, ex presidente della cassa previdenziale degli psicologi, a risarcire il danno erariale causato nel 2011 con l’acquisto per conto dell’ente di un immobile nel centro di Roma . «I fatti in questione – prosegue Piccinini – hanno provocato danni gravissimi all’immagine dell’Enpap e della categoria professionale degli psicologi e richiederanno tempo per essere riassorbiti. A questo scopo, è essenziale che l’Ente prosegua il percorso di trasparenza ed efficienza avviato tre anni fa con l’insediamento del nuovo cda, impegnato fin da subito nella definizione di un nuovo Codice Etico e di una corretta comunicazione dei processi decisionali, con la pubblicità non solo delle delibere, ma anche del piano degli investimenti e della composizione del patrimonio. Sono certo che gli attuali vertici agiranno pure in futuro con  il medesimo senso di responsabilità, consapevoli della delicatezza del proprio ruolo e degli obblighi di correttezza e trasparenza assunti verso l’intera comunità professionale».