Le reti professionali dell'Ordine nascono con l'obiettivo di promuovere la funzione psicologica in particolari ambiti d'intervento della professione.

Attraverso la diffusione delle Reti, l'Ordine intende dunque agevolare l'incontro tra una domanda di psicologia, sempre più diffusa e articolata, e un'offerta di servizi psicologici altamente qualificati.

Sei sei in possesso dei requisiti previsti, attraverso questa sezione dell'Area riservata puoi aderire a una o a più Reti professionali: in tal modo amplierai la tua visibilità presso la società civile e incrementerai le tue opportunità di lavoro.

Ricorda che quanto da te dichiarato con l'adesione a una specifica Rete ha valore di autocertificazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000. L'Ordine si riserva di verificare la veridicità delle tue dichiarazioni e, ove ne ravvisi la non conformità, di agire disciplinarmente nei tuoi confronti.



Reti






Rete professionale counseling psicologico e/o psicoterapia

Descrizione

La Rete professionale counseling psicologico e/o psicoterapia intercetta la domanda sociale di una psicologia competente e sostiene gli psicologi che si avviano alla libera professione.

Aderendo a questa Rete professionale, il tuo nominativo sarà inserito in un elenco che l’Ordine promuove presso tutti i partner con cui periodicamente stipula specifiche convenzioni.

I partner dell’Ordine diffonderanno l’elenco tra i propri iscritti, dipendenti e relativi familiari, che potranno, così, contattare direttamente il professionista di loro interesse per poter usufruire di prestazioni di counseling psicologico e/o psicoterapia per un importo compreso tra i € 40,00 e € 60,00 per singola seduta.

Requisiti per aderire alla Rete

Per poter aderire alla rete è necessario:

  1. essere iscritto all’Albo degli Psicologi del Lazio da almeno tre anni (intercorrenti tra la data esatta di iscrizione e quella di presentazione della domanda di adesione);
  2. essere titolare di partita Iva;
  3. essere in regola con il pagamento delle quote di iscrizione;
  4. non avere in corso la sanzione disciplinare della sospensione dall’esercizio della professione;
  5. solo nel caso di erogazione di prestazioni psicoterapeutiche, essere annotato come psicoterapeuta presso l’Albo degli Psicologi del Lazio.

Enti convenzionati con l’Ordine

  • Ordine degli Avvocati di Roma
  • Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Roma

L’elenco è in continuo aggiornamento

Documentazione richiesta

  • curriculum vitae



Rete Psicologi alimentari al servizio della salute

Descrizione

La Rete professionale degli Psicologi Alimentari al Servizio della Salute (PASS) valorizza l’intervento psicologico nell’area della Salute alimentare.

L’elenco dei professionisti è a disposizione della cittadinanza e di tutti i soggetti pubblici o privati, potenzialmente interessati a entrare in contatto con psicologi operanti nell’ambito dell’alimentazione, come ad esempio associazioni di cittadini, altri professionisti del settore (dietisti, dietologi, nutrizionisti), interlocutori istituzionali, operatori sportivi, scuole.

Requisiti per aderire alla Rete

Per poter aderire alla rete è necessario:

  • essere iscritto all’Albo degli Psicologi del Lazio da almeno tre anni (intercorrenti tra la data esatta di iscrizione e quella di presentazione della domanda di adesione)
  • essere titolare di partita Iva o di operare all’interno di strutture sanitarie
  • essere in regola con il pagamento delle quote di iscrizione
  • non avere in corso la sanzione disciplinare della sospensione dall’esercizio della professione

È necessario, inoltre, possedere almeno 3 dei 5 requisiti minimi di competenza e formazione di seguito elencati, di cui necessariamente almeno uno fra i requisiti 1 e 2:

  1. specifica conoscenza teorico/pratica nell’area della psicologia dell’alimentazione, documentata attraverso percorsi formativi specifici (corso di perfezionamento universitario o master, altri corsi di formazione teorico-pratico post laurea) della durata non inferiore alle 70 ore, anche cumulative;
  2. esperienza professionale clinica avente come oggetto l’area dell’Alimentazione (con esclusione del tirocinio post lauream) presso Enti, Associazioni, Ospedali, Asl, Centri dedicati, Centri Residenziali, anche in regime di libera professione;
  3. annotazione come Psicoterapeuta;
  4. attività didattica svolta presso Università, Scuole di Specializzazione, corsi di formazione, corsi di formazione regionali nell’ambito della psicologia dell’alimentazione;
  5. relazioni a convegni, pubblicazioni (riviste estere, riviste italiane, libri, capitoli di libri) nell’area tematica della psicologia dell’alimentazione.

Documentazione richiesta

  • curriculum vitae



Rete professionale Salute perinatale

Descrizione

La Rete professionale Salute perinatale raccoglie i nominativi dei professionisti operanti nell’ambito della psicologia perinatale, promuovendone l’apporto funzionale presso cittadini, altri professionisti e Istituzioni.

Requisiti per aderire alla rete

Per aderire alla Salute perinatale è necessario:

  1. essere in regola con il pagamento delle quote di iscrizione;
  2. non avere in corso la sanzione disciplinare della sospensione dall’esercizio della professione.

È necessario, inoltre, possedere una formazione teorica e pratica specifica nell’area della psicologia perinatale.

Formazione teorica negli ultimi 5 anni (è necessario possedere almeno uno dei due requisiti tra a e b):

  1. specifica conoscenza nell’Area della Psicologia Perinatale, acquisita attraverso percorsi formativi specifici (Corso di Perfezionamento universitario e/o Master e/o Corso di Formazione post lauream, eventi formativi specifici con ECM) della durata non inferiore alle 45 ore, anche cumulative;
  2. attività didattica e di ricerca svolta presso Università, Scuole di Specializzazione, corsi di formazione e istituti di ricerca, relativa all’Area in oggetto.

Formazione pratica (requisito necessario): esperienza professionale di almeno 150 ore nel ruolo di psicologo avente come oggetto l’area della Perinatalità (con esclusione del tirocinio post lauream) presso strutture sanitarie, sociali, educative o in regime di libera professione.

Documentazione richiesta

  • curriculum vitae



Rete professionale Orientamento al lavoro e sviluppo di carriera

Descrizione

La Rete professionale Orientamento al lavoro e sviluppo di carriera valorizza e promuove l’apporto funzionale nella psicologia nelle attività di sostegno alla progettualità personale nei momenti chiave della vita professionale dei lavoratori.

La figura che tale rete intende promuovere è quella di un professionista in grado di leggere e analizzare i bisogni dei lavoratori, di gestire la relazione d’aiuto e, più in generale, di favorire la valorizzazione di competenze/risorse/potenzialità personali e professionali.

Per tale ragione rappresenta un importante punto di riferimento per studenti, giovani che hanno abbandonato precocemente gli studi, persone inoccupate, disoccupate o che intendono migliorare la propria occupazione, servizi territoriali per il lavoro, società di intermediazione del lavoro e organizzazioni alla ricerca di lavoratori.

Requisiti per aderire alla rete

Per aderire alla Rete Orientamento al lavoro e Sviluppo di carriera è necessario:

  1. essere iscritto alla sezione A dell’Albo degli Psicologi del Lazio;
  2. essere in regola con il pagamento delle quote di iscrizione;
  3. non essere sospesi dall’esercizio della professione;
  4. avere almeno 4 anni di esperienza, anche non consecutivi e non a tempo pieno, consistente nell’aver svolto pratica professionale in organizzazioni pubbliche e private, relativa ad attività di ricerca, consulenza e formazione nell’ambito dell’orientamento al lavoro o dello sviluppo di carriera, – sia in qualità di consulente esterno sia di dipendente. Qui di seguito l’elenco dei contesti d’esperienza professionale:
    1. centri per l’impiego, agenzie per il lavoro, centri di orientamento, centri informagiovani, enti di formazione professionale accreditati, società di outplacement, centri per il bilancio delle competenze; agenzie regionali del lavoro; uffici di orientamento e placement delle scuole e delle università; servizi di orientamento sostenuti dalle amministrazioni pubbliche; centri per le iniziative locali per l’occupazione; servizi di orientamento promossi e gestiti da enti privati; servizi di orientamento realizzati mediante convenzioni tra enti privati ed enti locali; uffici/dipartimenti per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane di aziende private o enti pubblici, dedicati allo sviluppo di carriera del personale interno o da inserire (selezione e valutazione del personale, orientamento, formazione, innovazione e ricerca)
  5. aver effettuato un affiancamento specialistico (anche tirocinio/stage post lauream) nei contesti su descritti oppure aver seguito un percorso formativo post lauream (corso di perfezionamento, corso di alta formazione, master o dottorato) su temi quali orientamento, bilancio di competenze; coaching e/o counseling orientativo; master in selezione, formazione e gestione risorse umane.

Documentazione richiesta

  • curriculum vitae
  • modulo precompilato scaricabile da qui



Rete Professionale di Psicologia Scolastica

Descrizione

Si tratta di una rete che raccoglie al suo interno professionisti psicologi con elevate competenze nel campo dei contesti educativi e che intende diventare un importante punto di riferimento per studenti, famiglie e scuole.

La figura che la rete intende promuovere presso famiglie e istituzioni scolastiche è quella di un professionista che:

  • lavora per prevenire o trattare situazioni di disagio o disturbi che possono caratterizzare alcune fasi dell’età evolutiva dei giovani studenti (situazioni di bullismo, emarginazione e integrazione, disturbi specifici dell’apprendimento, etc.);
  • supporta le famiglie degli studenti con adeguati interventi di psicoeducazione e orientamento;
  • collabora con dirigenti scolastici e insegnanti nella pianificazione e nell’organizzazione della didattica e delle risorse nel contesto Scuola.

Requisiti per aderire alla rete

Per poter aderire alla rete Psicologia scolastica, è necessario possedere almeno due dei tre seguenti requisiti fondamentali.

  1. Specifica conoscenza teorico/pratica nell’area della psicologia scolastica acquisita mediante almeno uno dei seguenti titoli di studio:
    • Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell’educazione, o in Psicologia scolastica o Psicologia dell’apprendimento o Psicologia clinica e Neuropsicologia dello sviluppo
    • Master di primo o secondo livello riguardanti una delle seguenti aree: psicologia scolastica, i disturbi dell’apprendimento o bisogni educativi speciali, disabilità e inclusione, neuropsicologia dello sviluppo, formazione degli insegnanti, orientamento scolastico e professionale
    • Corsi di perfezionamento di almeno 60 crediti formativi (in una delle aree specificate nel punto B)
  2. Esperienza professionale di almeno tre anni acquisita svolgendo consulenze per istituti scolastici in almeno una delle seguenti aree:
    • osservazione del comportamento in età evolutiva, della comunicazione in classe, dell’osservazione etnografica in contesti educativi e formativi;
    • screening e somministrazione di questionari con cui gli insegnanti possono valutare i bisogni educativi speciali degli allievi;
    • valutazione delle difficoltà e disturbi dell’apprendimento e delle abilità di base che li supportano;
    • valutazione delle abilità sociali, della regolazione emotiva e comportamentale, delle specificità socio-culturali;
    • valutazione dell’efficacia di un intervento nel contesto scolastico;
    • Analisi della domanda in contesti educativi e formativi e di progettare interventi che rispondono al problema;
    • Interventi a sostegno della salute e del benessere psicologico degli operatori scolastici;
    • Interventi per la disabilità, i bisogni educativi speciali e l’inclusione scolastica;
    • Centri di ascolto, conduzione di interviste, focus groups, colloqui con gruppi di operatori;
    • Tecnologie didattiche che hanno un impatto sull’innovazione didattica;
  3. Formazione e ricerca svolta da almeno tre anni su tematiche di interesse per la psicologia scolastica
    • Attività di formazione e aggiornamento rivolta a insegnanti (o altro personale) di scuole di ogni ordine e grado
    • Attività di ricerca presso centri universitari o altri enti accreditati nell’anagrafe nazionale delle ricerche del MIUR
    • Dottorato di ricerca con una tesi su un argomento rilevante per la psicologia scolastica (psicologia dello sviluppo e dell’educazione, per la psicologia della riabilitazione e della disabilità)

Documentazione richiesta

  • curriculum vitae