News Psicologi

Tar Lazio, «Il counseling è una competenza dello psicologo»

Il Tar per il Lazio dà ragione agli psicologi e dispone la cancellazione dell’AssoCounseling dall’elenco delle associazioni non regolamentate tenuto dal Ministero per lo Sviluppo Economico

Tar Lazio, «Il counseling è una competenza dello psicologo»

Con la sentenza n. 13020/2015, il Tar per il Lazio ha disposto l’annullamento dei provvedimenti con cui il Ministero dello sviluppo economico, nel settembre 2014, aveva inserito l’AssoCounseling nell’elenco delle associazioni professionali non regolamentate.

Nel richiedere l’iscrizione in tale elenco, l’AssoCounseling aveva fornito una descrizione delle attività dei propri iscritti che presentava ampi margini di sovrapposizione con l’attività sanitaria dello psicologo e del dottore in tecniche psicologiche.

Ritenendo inammissibile tale sovrapposizione, il Tar ha dunque ricondotto sotto l’esclusiva competenza dello psicologo il trattamento sanitario di ogni disagio psicologico, anche se di lieve entità.

Secondo il Tar, infatti, «la gradazione del disagio psichico presuppone una competenza diagnostica pacificamente non riconosciuta ai counselors e […] il disagio psichico, anche fuori da contesti clinici, rientra nelle competenze della professione sanitaria dello psicologo».


Scarica la sentenza n. 13020/2015

L’articolo del Presidente Nicola Piccinini: Sentenza Tar Lazio: il Counseling è dello psicologo. Buona la prima!

Vai all’approfondimento: Dal Tar Lazio una sentenza storica per la difesa della professione di psicologo

Le ricadute della sentenza: l’Ordine invita scuole e consultori a rispettare la sentenza e ad affidare le attività di ascolto, sostegno e/o counseling ai soli psicologi