News Psicologi

Aspettando il CNOP

Il silenzio del Consiglio Nazionale e i Bandi della Guardia di Finanza al ribasso

Aspettando il CNOP

In data 5 novembre 2014, l’Ordine degli Psicologi Lazio sottoponeva all’attenzione del Consiglio Nazionale la questione riguardante l’indizione, da parte della Guardia di Finanza, di procedure comparative allo scopo di individuare figure professionali impiegate nell’assistenza psicologica ai militari del Corpo.

A tal proposito, si segnalava come la Guardia di Finanza procedesse a bandire, su più sedi dislocate sul territorio nazionale, procedure finalizzate all’attivazione di sportelli di ascolto psicologico caratterizzate dal criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa; tale requisito selettivo incentiva gli Psicologi a proporre tariffe al ribasso, certamente sproporzionate rispetto al valore e alla mole della relativa prestazione professionale.

Senza ricevere un riscontro dal CNOP, l’Ordine, nel gennaio 2016, avendo constatato che, anche per l’anno in corso, la Guardia di Finanza ha continuato ad indire tali tipologie di bando, ha proceduto a sollecitare nuovamente un intervento del CNOP, trattandosi di questione di rilevanza nazionale legata alla tutela della professionalità psicologica.

I nuovi bandi per l’anno 2016, fra l’altro, mostrano anche un’ulteriore potenziale irregolarità riguardante l’indebito restringimento dei requisiti partecipativi: nello specifico, infatti, è previsto un ulteriore requisito essenziale rispetto alla Laurea in Psicologia e all’iscrizione al relativo Albo, richiedendosi il conseguimento del diploma di specializzazione in Psicoterapia.

Tale ulteriore requisito è richiesto nonostante il servizio di sportello di ascolto e consulenza psicologica possa essere tenuto anche da Psicologi, seppure non annotati ex art. 3 Legge 56/89.

Ad oggi, nonostante ciò, ancora nessun riscontro da parte dell’Ordine Nazionale.

L’Ordine del Lazio, da parte sua, in assenza, ad oggi, di un intervento del Nazionale, ha comunque proceduto ad inviare alla Guardia di Finanza una richiesta finalizzata alla tutela della professionalità psicologica nell’ambito del servizio di assistenza psicologica ai militari del suddetto Corpo.