Professioni & Istituzioni

La cronicità al centro del Tavolo Task-shifting del Ministero della Salute

Un altro passo importante dell’Ordine per porsi come interlocutore nuovo e innovativo per il Ministero della Salute rispetto al tema della cronicità

La cronicità al centro del Tavolo Task-shifting del Ministero della Salute

Il 21 luglio presso il Ministero della Salute si è tenuta la prima riunione di costruzione del Tavolo di lavoro Task-shifting, formato dai rappresentati delle diverse professioni sanitarie, che operano per la facilitazione, l’accesso e il coinvolgimento attivo del paziente cronico nel suo percorso di cura.

La rappresentanza dell’Ordine al Tavolo è garantita dalla dott.ssa Mara Lastretti, da anni impegnata in progetti di ricerca innovativi sulla gestione delle patologie croniche, ricevendo l’apprezzamento interesse dalle più accreditate società scientifiche in diabetologia come AMD Lazio e SID Lazio.

La finalità del Tavolo consiste nell’analizzare le diverse realtà regionali nell’ambito della prevenzione e del lavoro con la patologia cronica, al fine di fornire un supporto alla:

  1. Prevenzione della patologia cronica
  2. Promozione della salute
  3. Presa in carico del paziente
  4. Educazione del paziente per gestire la sua patologia
  5. Coinvolgimento attivo sia dell’operatore sanitario che del paziente stesso.

Tutto questo avverrà attraverso la produzione di un documento che descriva tutto ciò che è presente come esperienza che possa essere di supporto e ricognizione in ambito clinico per la patologia cronica.

A questo punto risultano molto innovative tutte le ricerche in campo di empowerment ed engagement del paziente affetto da patologia cronica o nel campo della prevenzione, temi cardine nella progettazione dell’Ordine.

Ne è un esempio la ricerca Diabete dell’Ordine che si svolge in ASL Roma 1, dove oltre alla verifica dell’impatto psicologico nell’accettazione della malattia, volta a favorire l’adherence e l’empowerment del paziente, ci si occupa di quantificare l’abbattimento di costi per la Sanità pubblica generato dall’intervento psicologico. Ossia si vuole dimostrare, l’importanza del lavoro psicologico nell’équipe multidisciplinare e quanto questo possa impattare positivamente e generare risparmio per il Servizio sanitario nazionale (SSN), oltreché sulla salute e qualità di vita della persona con diabete.

La partecipazione al Tavolo Task-shifting del Ministero della Salute è il riconoscimento del lavoro che questo Ordine, da due anni, sta portando avanti sul versante delle cronicità, lavorando sulla cost-effectiveness dell’intervento psicologico, mettendo in rete operatori sanitari, decisori politici e cittadini. La gestione integrata del paziente cronico e la prevenzione di patologia cronica sono le sfide che maggiormente impegneranno il SSN nel prossimo futuro. Lo psicologo può contribuire ad aumentare la qualità di vita ed abbattere centri di costo.