Comunicati stampa

Salute e sicurezza sul lavoro: Governo riconosce importanza fattori psicosociali in ambiente sanitario

L’Ordine Psicologi del Lazio esprime soddisfazione per l’entrata in vigore il 25 marzo scorso del D.Lgs. 19/2014 che sana il ritardo nel recepimento della Direttiva europea 32/2010. Il decreto, che riguarda la prevenzione delle ferite da taglio e punta nel settore ospedaliero e sanitario, riconosce l’importanza dei fattori psicosociali nella valutazione e nella gestione dei rischi per la salute sul luogo di lavoro. Il decreto cita espressamente l’assistenza psicologica per il lavoratore vittima di ferite da taglio (ad esempio per contenere le conseguenze emotive legate alla paura di contagio di infezioni gravi). Si ricorda che il settore della sanità è considerato ad alto rischio di stress lavoro correlato, specie nella forma della sindrome da burnout, che va a colpire direttamente la salute dei lavoratori e ad aumentare la probabilità di infortuni e incidenti.

L’Ordine guarda inoltre con favore all’avvio della campagna europea 2014-2015 sullo stress lavoro correlato e i rischi psicosociali lanciata dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro. Proseguendo un cammino intrapreso da anni, il prossimo biennio potrebbe costituire un punto di svolta fondamentale per la tutela a 360° della salute dei lavoratori e delle imprese.

Anche per questo motivo, tra i primi atti ufficiali del nuovo Consiglio dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, presieduto da Nicola Piccinini, c’è l’istituzione del Gruppo di lavoro "Stress lavoro correlato" che si prefigge i seguenti obiettivi:

  • sensibilizzare datori di lavoro e dipendenti sui rischi connessi allo stress lavoro correlato e sulle buone prassi per la prevenzione con particolare riguardo al rapporto costi/benefici;
  • promuovere la collaborazione tra gli psicologi e le altre figure della sicurezza, i datori di lavoro e i sindacati;
  • divulgare – attraverso la produzione di materiale informativo multimediale e l’organizzazione di iniziative mirate – una cultura di prevenzione del rischio fondata sulla partecipazione attiva dei lavoratori.

Per quanto riguarda il pubblico impiego, il gruppo di lavoro si propone altresì di monitorare e favorire il contributo degli psicologi, oltre che per gli aspetti di salute e sicurezza del lavoro, anche nelle attività inerenti il “benessere organizzativo” negli ambienti di lavoro, previste già ad esempio dai decreti legislativi 150/2009 e 165/2001. Il "benessere organizzativo" è un modello elaborato in ambito scientifico che va affrontato e perseguito facendo ricorso alle specifiche professionalità. 

Il gruppo di lavoro "Stress lavoro correlato" è stato istituito il 14 aprile 2014 ed è coordinato dal consigliere David Pelusi.

Ufficio Stampa
3335705982