Comunicati stampa

L’Ordine degli Psicologi del Lazio presenta le Linee guida per l’ascolto del minore in separazioni e divorzi

L’Ordine degli Psicologi del Lazio

presenta

le Linee guida per l’ascolto del minore in separazioni e divorzi

Roma, venerdì 7 dicembre, ore 9,30

Biblioteca Nazionale Centrale, Viale Castro Pretorio 105

Più spazio ai minori con l’ascolto psicologico

nell’attuazione della Legge 54

E’ necessario che, nelle cause di separazione e divorzio, i minori vengano ascoltati con maggior cura, attenzione e professionalità. Per questo motivo, L’Ordine degli Psicologi del Lazio ha redatto le Linee guida per l’ascolto del minore in separazioni e divorzi.

Il documento verrà presentato alla stampa, agli operatori e al pubblico nel corso della tavola rotonda “La parola ai minori” che si terrà venerdì 7 dicembre a partire dalle ore 9,30 nella Biblioteca Nazionale Centrale (programma allegato).

Le linee guida sono il frutto di un lungo lavoro condotto da un gruppo di esperti di ambito giuridico e psicologico coordinati dalla professoressa Marisa Malagoli Togliatti. Ne fanno parte gli psicologi prof Paolo Capri e drssa Anna Lubrano Lavadera e i giuristi avv Pompilia Rossi e il giudice Massimo Crescenzi.

La questione al centro dell’attenzione è di grande rilievo. Basti pensare che alla luce dei dati Istat, in Italia, nel corso del 2010, si sono registrati più di 140.000 casi di separazione o divorzio – un dato quasi raddoppiato rispetto al 1995. Il 43% dei quali ha riguardato matrimoni con almeno un figlio minore di 18 anni.

L’eco dei fatti di ottobre a Cittadella, in provincia di Padova, non si è ancora spento. Nell’occasione si è visto che un tema del genere suscita naturalmente una grande emotività ma fa emergere anche confusioni di ruoli e di pratiche. Nello scenario che si è andato delineando è mancato un punto di riferimento che la cultura giuridica e sociale del nostro paese non ha elaborato con sufficiente forza e chiarezza: l’ascolto del minore.

Dichiara la presidente dell’Ordine, Maria Lori Zaccaria: “numerosi studi in ambito psicologico evidenziano come la partecipazione costruttiva del minore ai procedimenti di separazione dei genitori possa aumentare la sua capacità di adattarsi a nuove configurazioni familiari. Possa accrescere il senso di autostima e di controllo sulla propria vita nonché la percezione di miglioramento della relazione con i genitori. L’inclusione attiva del minore all’interno dei processi di separazione o divorzio, inoltre, permette di focalizzarsi sui suoi bisogni e questo dovrebbe portare ad una riduzione dell’intensità e della durata del conflitto genitoriale, attraverso un incremento della collaborazione fra i genitori e delle competenze negoziali del minore stesso”.

 

Gioacchino De Chirico

Press relations

Ordine Psicologi Lazio

Email:       ufficiostampa@ordinepsicologilazio.it

Cell:           335.8456658