Comunicati stampa

contributo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio al Progetto Rignano

Nell’ambito del "Progetto Rignano", promosso dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma, dal Comune di Rignano e dal Provveditorato agli studi, l’Ordine fornirà un elenco degli Istituti che hanno aderito all’iniziativa di solidarietà a favore della popolazione di Rignano Flaminio

In un Protocollo d’intesa fra l’Ordine degli Psicologi del Lazio e gli Istituti di Psicoterapia e i Centri specializzati sono stati definiti gli obiettivi e le modalità di attuazione

A due settimane dalla decisione del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, presieduto da Marialori Zaccaria, di promuovere "Interventi di solidarietà all’intera comunità di Rignano Flaminio", (sostegno psicologico individuale, infantile, familiare, di gruppo), il Tavolo di Coordinamento, composto dai rappresentanti del Consiglio e dai Presidenti o loro delegati degli Istituti di psicoterapia e dei Centri specializzati che hanno aderito all’iniziativa, ha definito in un Protocollo gli obiettivi e le modalità dell’intervento.

Nell’ambito del "Progetto Rignano", promosso dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma, dal comune di Rignano e dal Provveditorato agli Studi, l’Ordine degli Psicologi del Lazio predisporrà l’elenco degli Istituti di Psicoterapia e Centri aderenti al Protocollo, completo delle modalità di accesso e della specifica del tipo di prestazioni messe a disposizione dei cittadini di Rignano Flaminio; elenco che potrà essere inserito in una carta delle opportunità, pubblicizzata presso la popolazione.

"Oggi mettiamo formalmente a disposizione delle Istituzioni il nostro contributo specifico nell’ambito del "Progetto Rignano", in una logica sinergia costruttiva. Desidero sottolinearne la valenza culturale – afferma la Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio Marialori Zaccaria – rappresentata dalla qualità e dalla "gratuità" degli interventi che saranno forniti. Gli Istituti e i Centri specializzati che hanno aderito, dimostrano responsabilità sociale, senso civico, volontà di dare la risposta giusta al bisogno di ascolto di una comunità piccola, il cui tessuto sociale è stato lacerato profondamente da una vicenda dolorosa e molto delicata che coinvolge bambini in età tenerissima e l’istituzione scolastica. L’intervento di solidarietà alla popolazione del Comune di Rignano Flaminio promossa dall’Ordine, intende infatti affiancare l’operato del Servizio Sanitario Regionale, per far fronte alle attuali esigenze di ascolto e di assistenza al disagio psicologico di questa comunità".

Obiettivi del Protocollo:

  • fornire un supporto al Servizio Sanitario Regionale, in considerazione della fondamentale esigenza di garantire l’efficienza e l’efficacia del sostegno;
  • garantire un intervento di analisi della domanda psicologica e interventi gratuiti di consulenza psicologica, fino ad un massimo di 5 incontri per ogni singolo utente, ai cittadini del Comune di Rignano Flaminio che presenteranno richiesta;
  • garantire, da parte degli Istituti, interventi nei limiti della propria disponibilità, nel rispetto della propria autonomia e, soprattutto, nell’ambito della propria specifica competenza e metodologia scientifica;
  • assicurare eventuali trattamenti psicoterapeutici, ove se ne riscontri la necessità, attraverso il pagamento di una tariffa sociale analoga al ticket del SSN;
  • rispettare la vigente normativa in materia di privacy, nonché l’anonimato degli utenti;
  • evitare la concentrazione di problematiche analoghe nello stesso spazio

Le modalità di attuazione dell’intervento

  • sarà distinto in un momento psicodiagnostico ed un momento psicoterapeutico;
  • gli Istituti saranno responsabili della scelta di figure professionali altamente qualificate, in grado di fornire il supporto richiesto;
  • ogni Istituto avrà cura di inviare le richieste, che non potrà espletare, ad altri Istituti competenti aderenti al Protocollo;
  • al fine di evitare una concentrazione di pazienti in un unico centro, ogni Istituto fisserà discrezionalmente un limite;
  • il numero ed il tipo di intervento fornito andranno registrati in forma anonima ai fini di un monitoraggio dell’attività;
  • l’iniziativa non è finalizzata all’acquisizione di "pazienti", ma volta ad un impegno di solidarietà sociale;

Ufficio Stampa: Francesca de Seta
ufficiostampa@ordinepsicologilazio.it