Rischio Stress Lavoro Correlato

Contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e ASPP

Cosa prevede l'Accordo siglato il 7 luglio 2016 dalla Conferenza Stato-Regioni

Il 7 luglio 2016 la Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano ha sancito il nuovo Accordo sull’individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i responsabili (RSPP) e per gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione (ASPP).

L’Accordo, seppur in maniera non esplicita, riconosce alla funzione psicologica un importante ruolo nei contesti formativi per la prevenzione e la protezione negli ambienti di lavoro. Dalla lettura dei contenuti dei corsi, infatti, è possibile riscontrare alcuni possibili ambiti formativi ascrivibili alla funzione psicologica.

Secondo il nuovo Accordo, infatti, gli aspiranti RSPP e ASPP dovranno, tra le altre cose, acquisire conoscenze/abilità per valutare i rischi ergonomici e da stress lavoro correlato; essere informati circa i rischi di natura psicosociale (stress lavoro correlato, fenomeni di mobbing, sindrome burn out) (Modulo B UD7); saper progettare percorsi di formazione per diffondere la cultura della salute e sicurezza e del benessere organizzativo (Modulo C); porre l’attenzione sul benessere organizzativo considerando fattori di natura ergonomica e da stress lavoro correlato (Unità didattica C4).

L’Accordo Stato-Regioni, infine, conferma che i requisiti che i docenti dovranno possedere per svolgere attività formativa sono quelli stabiliti dall’articolo 3 del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro della Salute del 6 marzo 2013.