Consulta giovani

Gruppo di lavoro “Promozione e Semplificazione”

Il gruppo di lavoro di “Promozione e Semplificazione” si propone di promuovere, facilitare e sostenere le attività e le strategie adottate dall’Ordine degli Psicologi del Lazio e dalla Consulta Giovani, al fine di costruire un ponte diretto fra tali organi e i giovani psicologi, che ad oggi rappresentano un’ampia percentuale degli iscritti. In questa direzione, obiettivo generale è quello di divulgare le iniziative dell’Ente, le attività dei gruppi di lavoro, le funzioni dell’Ordine e della Consulta e avvicinare, in tal modo, i nuovi iscritti ed i giovani psicologi alle attività dei propri organi di rappresentanza.

Il gruppo “Promozione e Semplificazione” si propone, dunque, di raggiungere i seguenti obiettivi specifici:

  1. Promozione delle attività e dell’immagine sociale dell’Ordine: in quest’area rientrano le diverse attività di contatto con gli psicologi under 35 e con le altre istituzioni giovanili, allo scopo di promuovere le iniziative generali dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, i servizi offerti dall’Ente (consulenze legali, amministrative, etc.) e i progetti dei singoli gruppi di lavoro della Consulta Giovani, mediante:

  • l’apertura e la gestione di canali di promozione e comunicazione delle attività della Consulta e dei servizi offerti dall’Ordine ai giovani psicologi, sulle principali piattaforme “social” presenti in rete (Facebook, Twitter, LinkedIn, etc);
  • la gestione di un blog a nome della Consulta Giovani attivato sul sito dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, dedicato alle iniziative della Consulta e ad un’analisi approfondita dell’attuale situazione giovanile dei colleghi psicologi, con un focus su quegli aspetti di interesse anche per la popolazione generale;
  • l’avviamento e la manutenzione di rapporti con le consulte dei giovani psicologi e non già attive in altre realtà regionali, come nel caso dell’Umbria, e con gli interlocutori interessati a promuovere la costituzione di una Consulta, ove non ancora presente, come nel caso della Regione Toscana;
  • la divulgazione della figura dello psicologo presso Enti o Associazioni territoriali (es. Onlus, Associazioni di pazienti, etc etc) con la finalità non solo di promuovere la professione ma anche di sviluppare un networking in sinergia con l’Ordine per la stipula di nuove convenzioni.

  1. Semplificazione: in questa area rientrano tutte le attività di supporto logistico alle attività dell’Ordine e ai singoli gruppi di lavoro della Consulta Giovani, che riguardano raccolte di informazioni, divulgazione di materiale esplorativo e analisi della committenza, mediante:

  • la costruzione e la somministrazione di un questionario online, da compilare su invito via e-mail o al momento dell’iscrizione all’Ordine degli Psicologi, che esplori e valuti le aspettative dei giovani psicologi nei confronti della Consulta e dell’Ordine stesso, al fine di raccogliere indicazioni utili per sviluppare politiche efficaci rispetto al target di riferimento;

  • l’attivazione di un sistema di monitoraggio delle attività dell’Ordine e del loro reale impatto sulla popolazione giovanile, allo scopo di individuare strategie vincenti di contatto e restituire un’analisi efficace del reale coinvolgimento dei colleghi under 35. Un sistema di feedback basato non solo sulla quantità di contatti ma anche, e soprattutto, sulla qualità degli stessi, unico reale indice di una futura partecipazione attiva alla vita ordinistica.

Tutti questi obiettivi sono da intendersi in sintonia e armonia con il lavoro già svolto dal Consiglio dell’Ordine e prevedranno un confronto continuo con tutti i membri del Consiglio e, in particolar modo, con i membri del Comitato di Redazione. Dopo un primo confronto con i membri del gruppo, di seguito sono elencate le attività individuate per raggiungere gli obiettivi sopra-esposti:

  1. Blog sul sito dell’Ordine a nome della Consulta Giovani: si è riflettuto sul fatto che tale canale non debba essere considerato come puramente informativo (aspetto per cui si avranno a disposizione i social network) ma più basato su una riflessione attiva e su contenuti ritenuti appetibili dal nostro target di riferimento;
  2. Social Network: apertura di pagine a nome della Consulta Giovani sui principali social di riferimento (Fb, Twitter, Linkedin, Monster) con un’attenzione particolare a quei social-app-gruppi in cui è possibile un confronto diretto con gli iscritti. Idea inoltre di cavalcare l’onda di nuovi social esplorandone eventuali limiti e potenzialità;
  3. Rapporti con altre consulte: prendere contatti con altri gruppi giovani sia di psicologia che di altri ordini allo scopo di creare una rete fitta di contatti secondo la logica dello sviluppo di un approccio integrato con colleghi di diversa formazione;
  4. Sondaggio su aspettative dei giovani iscritti: per esplorare e valutare le aspettative dei giovani psicologi nei confronti della Consulta e dell’Ordine stesso, al fine di raccogliere indicazioni utili per sviluppare politiche efficaci rispetto al target di riferimento;
  5. Networking e Convenzioni: attivare una rete di contatti con enti o associazioni per aiutare l’Ordine a implementare l’elenco degli enti con cui fare convenzioni. In base a quanto suggerito è possibile anche contattare onlus e associazioni di pazienti, l’importante è che abbiano almeno un migliaio di iscritti.

 

 

I membri del gruppo Promozione e Semplificazione sono:

 

Marta Giuliani – coordinatrice

Luana Morgilli – segretaria

 

Antonietta Bruno

Marco Iozzino

Marco Mascioli

Alessandro Raso

Saverio Stilo