Innovation Label

Scuola aquilana continua a volare

Il progetto “Scuola Aquilana Continua a Volare”, (aa. 2009-2013), ha avuto come obiettivo il sostegno ai bambini e agli adolescenti abruzzesi in seguito al terremoto del 2009, per favorire l'emergere e l'elaborazione del vissuto emotivo rimosso e la gestione dei sintomi post-traumatici da stress.

Scuola aquilana continua a volare

Il progetto “Scuola Aquilana Continua a Volare”, (aa. 2009-2013), ha avuto come obiettivo il sostegno ai bambini e agli adolescenti abruzzesi in seguito al terremoto del 2009, per favorire l’emergere e l’elaborazione del vissuto emotivo rimosso e la gestione dei sintomi post-traumatici da stress.

Si è ritenuto necessario intervenire partendo dal sostengo ai docenti (attraverso incontri di gruppo e attività di sostegno e di formazione), al fine di trasmettere loro competenze utili alla gestione del disagio psicologico e scolastico dei ragazzi e di renderli autonomi nel sostegno emotivo e nell’accoglienza dei minori, accrescendone la professionalità e, allo stesso tempo, valorizzandone il ruolo educativo. Sostenere gli adulti e, di conseguenza, gli alunni ha permesso di lavorare con efficienza restituendo ai minori un punto di riferimento quotidiano nel luogo “scuola“, su cui appoggiarsi per ri-costruire il loro futuro.

Il progetto ha coinvolto 24 psicologi-psicoterapeuti dell’età evolutiva dell’Istituto di Ortofonologia e gli istituti scolastici abruzzesi (2 Istituti Superiori e 5 Circoli Didattici dell’Aquila), per un totale di circa 1.500 adolescenti, 2.500 bambini, 400 insegnanti delle elementari e 50 delle superiori. Il lavoro con gli insegnanti è stato trainante per i ragazzi e, nell’immediato, ha permesso di riattivare la partecipazione dei ragazzi agli studi e di evitare casi di abbandono scolastico.

L’esito positivo del progetto, finanziato dalla Direzione Generale per lo studente del MIUR e co-finanziato dall’IdO, ha permesso la replicabilità del protocollo di intervento d’emergenza anche in altri contesti in cui si sono verificati traumi collettivi dettati da disastri, naturali e non solo.

Questo tipo di intervento, con il sostengo a circa 4.500 persone, ha permesso di ridurre considerevolmente i costi sociali che il ricorso a prestazioni medico-psicologiche in capo al SSN avrebbe comportato.

Un progetto di Federico Bianchi di Castelbianco per Istituto di Ortofonologia.

Come si vota il progetto e quando ci sarà la premiazione?

Autori

Federico Bianchi Di Castelbianco

Contatti