Edizione 2015 Innovation Label Progetti 2015

La presa in carico in Andos

La Presa in Carico della paziente oncologica riguarda la educazione terapeutica o empowerment che comprende: sensibilizzazione, informazione, addestramento, accettazione, integrazione della malattia nel progetto di vita della paziente finalizzati al miglioramento della sua Qualità di Vita

La presa in carico in Andos

L’associazione Andos con i suoi 60 comitati distribuiti su quasi tutto il territorio italiano, si occupa da più di trent’anni di riabilitazione fisica, psicologica e sociale delle donne operate di cancro al seno, con modalità peer to peer unitamente all’opera di tecnici – medici, psicologi etc.

Sono sempre più numerosi gli studi riguardanti i benefici che si ottengono dalla Presa in Carico “precoce” del paziente nei diversi stadi della patologia, per garantire assistenza e prevenzione primaria sul disagio psichico.

Facendo riferimento alle Linee guida nazionali della Sanità in ambito Riabilitativo (g.U. serie Generale n.124 del 30 Maggio 1998) i Comitati Andos intervengono da sempre sui tre stadi della riabilitazione – fase acuta, disabilità residue, conseguimento dell’autonomia – con modalità differenziate a seconda del territorio e dei bisogni da esso espressi.

La Presa in Carico della paziente oncologica riguarda la EDUCAZIONE TERAPEUTICA o EMPOWERMENT che comprende: sensibilizzazione, informazione, addestramento, accettazione, integrazione della malattia nel progetto di vita della paziente finalizzati al miglioramento della sua Qualità di Vita.

Per dare senso ed efficacia all’azione degli operatori socio-assistenziali la presa in carico deve rispondere in modo personalizzato ai bisogni incontrati e deve mettere la persona in grado di fare delle scelte consapevoli rispetto al proprio progetto di vita, promuovendo l’auto-realizzazione e il superamento dello stato di esclusione sociale

Ne consegue la necessità di incrociare volta per volta i servizi offerti da ogni Comitato con i bisogni espressi o impliciti della donna operata

Per poter attuare quanto sopra specificato è stato necessario che tutti i Comitati, che operavano sul territorio ciascuno con le proprie azioni e caratteristiche, fossero coinvolti in un percorso di:

  1. informazione sulle finalità del Progetto di Presa in Carico
  2. formazione su contenuti e modalità di realizzazione del PPC

Questo è stato realizzato tramite l’E-learning. L’Elaborazione di un piano formativo Nazionale

Che è riuscita a diventare interattiva e realmente vantaggiosa in termini di:

  1. riduzione dei tempi
  2. riduzione dei costi
  3. opportunità di confrontarsi con diversi stili di apprendimento;

possibilità di interagire: sia attraverso attività sincrone quali chat, aule virtuali, sia attraverso attività asincrone quali forum, e-mail, mailinglist.

 

Un progetto di Maria Gabriella Manno.

 

Come si vota il progetto e quando ci sarà la premiazione?

Autori

Maria Gabriella Manno

Contatti