Innovation Lab Progetti 2016

La cura psicoanalitica a tariffe sociali – Dispositivi analitici per compensare il disagio psico-sociale

a cura di Flavio Piergentili per conto del Centro Psicoanalitico "Le quattro stagioni" Onlus

La cura psicoanalitica a tariffe sociali – Dispositivi analitici per compensare il disagio psico-sociale

Il Progetto “La Cura Psicoanalitica a Tariffe Sociali” è volto alla promozione del benessere psico-sociale e alla prevenzione e tutela della salute mentale di persone colpite da disagio psichico e sociale appartenenti alle fasce più svantaggiate della popolazione, attraverso la psicoterapia psicoanalitica individuale e di gruppo, svolta a tariffe molto agevolate. Il fine delle attività poste in essere è il sostegno e la cura psichica di persone con disagio psicologico e/o psichiatrico, e si inscrive nell’ambito delle attività di solidarietà e di pubblico interesse, recentemente amplificatesi per l’acuirsi della crisi economica e sociale degli ultimi decenni. Ci prefiggiamo col nostro progetto lo sviluppo del campo della ricerca psicosociale e clinica nell’ambito del disagio dell’individuo e dei gruppi. Il progetto prende spunto dall’aggravarsi della condizione economica, a fronte di un miglioramento della salute fisica delle fasce più povere della popolazione, è netto il peggioramento della salute mentale. Sulla base di dati di diverse ricerche condotte in ambito socio-sanitario, si evince che sono molto colpiti dal peggioramento degli indici di salute psicologica i giovani fino a 34 anni, soprattutto maschi, gli adulti di 45-54 anni, e gli stranieri donne e uomini. Le questioni relative alla salute mentale più diffuse e sensibili alla crisi sembrano essere correlate in primis ai disturbi depressivi e successivamente nella rilevazione degli “eventi dolorosi”, ai traumi esterni tra cui la perdita del lavoro, che spesso è all’origine di una malattia mentale grave; l’insicurezza, l’ansia e la paura legate a un’incertezza “cronica” sul futuro; nonché l’impossibilità di pagarsi le cure. In questo scenario complesso, la sfida che ci proponiamo è di coniugare i tradizionali valori di solidarietà ed eguaglianza con i vincoli di bilancio. Le attività che intendiamo svolgere sono modalità terapeutiche che spaziano dal sostegno psicologico alle psicoterapie nelle sue varie forme fino ai gruppi esperenziali e all’ortoterapia. Al fine di una migliore efficacia professionale conduciamo e partecipiamo a gruppi di studio volti alla ricerca nell’ambito della salute psichica, del rapporto tra individuo ed istituzione di cura, delle dinamiche di gruppo. Svolgiamo con frequenza settimanale riunioni d’equipè volte all’analisi delle dinamiche del gruppo di lavoro, alla supervisione dei casi clinici e alla gestione e organizzazione delle attività interne ed esterne che i professionisti svolgono per il centro. I destinatari a cui si rivolgono le nostre attività sono ad oggi 40 soggetti con disagi e patologie psichiche varie, sia bambini, che adulti, uomini e donne. Il nostro lavoro iniziato nel 2013 condotto secondo le modalità già sopra esplicitate, prosegue con l’obiettivo di intensificare e ampliare il numero di soggetti a cui si rivolge il servizio ma anche di ottimizzare le condizione all’interno delle quali il centro opera e si sviluppa. Le finalità sono: – Offrire uno spazio di accoglienza e ascolto al disagio psico-sociale; – Prevenzione primaria e secondaria del disagio psichiatrico e psico-affettivo; – Diagnosi, trattamento, cura e reinserimento sociale dei soggetti; – Promuovere l’integrazione sociale e culturale tra le persone e la realtà sociale circostante; – Rinforzare la rete comunicativa tra l’individuo, la famiglia e la comunità di appartenenza. Nostra intenzione, vista l’importanza della continuità nel tempo di attività di questo tipo, è continuare ad accrescere le nostre attività in stretta sintonia con le politiche attive del territorio, con l’obiettivo di pensare, sperimentare e proporre un modello che funga da prototipo tipo per le altre realtà presenti sul territorio.

 

Se ti è piaciuto il progetto metti “Mi piace”

Autori

Flavio Piergentili

Contatti