Idee 2016 Innovation Lab

Liberamente in gioco

a cura di Lucia Maiorino in collaborazione con altri Professionisti

Liberamente in gioco

Il progetto “Liberamente in gioco” si declina a partire dalla convinzione dell’utilità di un intervento di prevenzione/sensibilizzazione sul fenomeno del gioco d’azzardo patologico (GAP) rivolto alla popolazione anziana, sempre più a rischio di sviluppare tale patologia per la propria condizione esistenziale e socio-economica di solitudine, passività e perdita di un ruolo produttivo.

Le caratteristiche dell’idea progettuale sono:
• il radicamento nel territorio cittadino, inteso come contesto di relazioni sociali e di realtà locali all’interno delle quali individuare, promuovere o alimentare una rete concentrica di servizi utili alla salvaguardia e all’implementazione del benessere del cittadino.
• l’approccio di sviluppo di comunità, fondato sul coinvolgimento degli anziani non solo destinatari dell’intervento, ma anche agenti attivi e promotori dello stesso, secondo un modello di empowered peer education, che favorisca il senso di agency e di auto-efficacia individuale, di responsabilità sociale, appartenenza e partecipazione alla vita della comunità.

Il coinvolgimento, nell’intervento di prevenzione, della stessa categoria d’utenza a cui l’azione si rivolge, può favorirne l’efficacia in virtù di una circolarità di esperienze all’interno della stessa fascia della popolazione e dei ruoli. L’anziano diventa così un importante nodo nella rete sociale formata da cittadini, istituzioni e le diverse professionalità operanti sul territorio.
In un’ottica multidisciplinare, gli attori sono coinvolti nell’affrontare il fenomeno della ludopatia da diversi vertici osservativi, e nel promuovere attività di tipo aggregativo e ludico che possano rappresentare, per l’anziano, occasioni di socialità e di relazione libere dai rischi connessi al gioco d’azzardo. Lo psicologo è figura centrale, in questo contesto, per promuovere il benessere, favorire lo sviluppo di competenze e l’espressione di risorse presenti sul territorio, nel creare, dunque, delle connessioni tra la comunità e le istituzioni.

 

Se ti è piaciuta l’idea metti “Mi piace”

Autori

Lucia Maiorino

Contatti