Idee 2016 Innovation Lab

Il Parent Coaching: studio di correlazione tra la metodologia del PC e la riduzione di comportamenti target

a cura di Rossana Difino

Il Parent Coaching: studio di correlazione tra la metodologia del PC e la riduzione di comportamenti target

Lo studio si propone di indagare scientificamente la tecnica del parent coaching al fine di costituirne un paradigma metodologico, a partire dalla bibliografia esistente. Attualmente il parent coaching è considerato una tecnica molto valida, utilizzata per lo più all’estero, che si avvale dell’ addestramento dei genitori attraverso l’uso di tecnologie informatiche, ed è finalizzato alla riduzione di comportamenti problema o all’acquisizione di nuove competenze di genitorialitá. Si cercherà non solo di replicare gli studi esistenti, accertando effettivamente la validità scientifica di questa tecnica, ma si porranno le basi per la costruzione di un mero paradigma scientifico. Esso avrà una durata di un anno. Le variabili prese in considerazioni saranno tre:
– la provenienza geografica,
– il livello di istruzione dei figli coinvolti,
– la presenza di ADHD o DOP.
Di fronte ad un comportamento problema, non si agirà sul bambino direttamente, ma si forniranno ai genitori gli strumenti adatti a fronteggiarli. Questa esigenza nasce dall’idea che molto spesso i professionisti risolvono il comportamento problematico, attraverso la riduzione o l’estinzione dello stesso, andando incontro, dunque alle richieste della famiglia; tuttavia il loro intervento è spesso limitato ad uno specifico comportamento target, e determina una relazione di subordinazione del genitore rispetto al professionista. Si ritiene che in un contesto familiare, in cui un professionista é solo una figura ” di passaggio” , la vera necessitá è quella di fornire ai genitori degli strumenti validi, delle strategie utili e sostegno per meglio educare i loro figli.
La bibliografia fin qui esistente, ha rivelato quanto il PC, sia efficace in ambito sportivo o ospedaliero nel dispensare cure ai figli degenti. Questa ricerca vuole dimostrare come l’uso di una metodologia scientifica possa effettivamente migliorare la qualità di vita in un contesto familiare, il benessere psico-fisico dei soggetti coinvolti, il rapporto genitore-figlio e del minore con i quali si relaziona.
Le strategie utilizzate saranno:
– video registrazioni
– incontri
– modeling
– intervento a domicilio
Gli impianti teorici a cui si ancora il progetto sono i filoni cognitivo-comportamentale, in quanto tende sia ad agire concretamente sul comportamento-problema, sia a motivare all’ interno delle varie triadi e diadi, le scelte effettuate; sia sistemico-relazionale, in quanto va ad agire sui rapporti familiari, promuovendo i punti forza e cercando di sanare invece, i punti critici.
Ricerche future potrebbero riguardare l’estensione del campione rispetto alla variabile del grado scolastico dei figli, e dell’utilizzo del metodo non solo in ambito domestico ma anche scolastico.

 

Se ti è piaciuta l’idea metti “Mi piace”

Autori

Rossana Difino

Contatti