Giovani in movimento: Scelgo dunque sono!

Ti parlo in silenzio!

Le emozioni ed il significato del silenzio nella coppia

A cura di Anna Zegretti

 

Quante volte, nella vita di tutti i giorni non troviamo le parole per comunicare con il nostro partner! Quante volte chi ci sta vicino prova a trovare un significato per i nostri silenzi? E quante volte noi stessi ci sforziamo per capire, per riempire, o per interrompere i silenzi di chi abbiamo al nostro fianco? Spesso accade che il significato del silenzio non venga colto, che venga mal interpretato e questo può contribuire a creare tensioni in una coppia.

Il silenzio riveste un ruolo molto importante nelle nostre interazioni. È un elemento del para-linguaggio, cioè, è qualcosa che va oltre il contenuto di ciò che diciamo. Il silenzio può interrompere una conversazione ma può essere anche un aspetto molto intimo di una relazione di coppia. Bisogna stare in silenzio per poter ascoltare l’altro, per ascoltare l’ambiente che ci circonda, i suoni, i rumori. In silenzio si ascolta anche se stessi.

Che cosa significa il silenzio? Perché è così difficile accettarlo nelle relazioni di coppia?

Il silenzio può essere:

  • Uno spazio per riflettere;
  • Un modo per chiarirsi le idee e per mettere in ordine le informazioni ricevute;
  • Un modo per dare spazio all’altro nel discorso, per modulare la conversazione;
  • Può rappresentare un distacco emotivo momentaneo;
  • Può trasmettere l’idea di collaborazione;
  • Può essere un modo per entrare in contatto con le emozioni.

Spazio di riflessione

Il silenzio può aiutare a riflettere, a fermarsi per prendere il proprio tempo per ciò che si sta per dire. Il silenzio può aiutare a sviluppare un pensiero costruttivo sulle proprie emozioni, per poi comunicarle all’altro.

Pensiamo a quando si condivide un bel momento nella coppia e siamo così felici per questo. Il silenzio può permettere di cogliere la ricchezza delle emozioni di chi ci sta parlando, di rendersi conto di quanto sia importante per noi parlare e stare insieme a quella persona. Può essere poi uno spazio di forte partecipazione emotiva, può aumentare l’intensità di ciò che si vuole comunicare quando il linguaggio non basta per esprimere quello che si prova.

Ascolto

Ascolto e silenzio sono tra loro collegati: quando si fa silenzio e quando si ascolta c’è un continuo scambio di informazioni.

Se il nostro partner ci racconta qualcosa di molto personale, a forte impatto emotivo, si possono provare dei forti sentimenti, allora il silenzio si può accompagnare a manifestazioni non verbali come viso arrossato o mani tremanti. O altre volte, può capitare di rimanere in silenzio perché non si capisce ciò che l’altro ci vuole dire.

Ciò che ci dice il nostro partner a volte ci può rendere tristi o felici, il silenzio può aiutare a gestire la situazione, a sintonizzarci con l’altro, a dargli il suo spazio, ad ascoltarlo e ad ascoltare la nostra reazione. Non sempre servono parole per esprimere la vicinanza.

Una pausa

Il silenzio può essere una pausa. Può essere un modo con cui si stabilisce chi deve ascoltare e chi deve parlare, è il momento in cui gli interlocutori decidono chi inizierà la conversazione. D’altra parte, per non sovrapporsi in una conversazione, solo chi ha ascoltato può parlare. Il silenzio è un modo per dare all’altro la possibilità di esprimersi.

Il silenzio può essere una risposta dopo un litigio con il partner, quando ad esempio una norma condivisa nella coppia è stata violata, questa pausa allora, viene spesso accompagnata da espressioni serie, posture ferme e sicure. Il silenzio, in questi casi, può aiutare a pensare e non agire le emozioni di rabbia o risentimento che si provano.

Si può stare in silenzio quando si hanno dei dubbi, o quando stiamo ricordando qualcosa, oppure quando non prestiamo attenzione a chi parla perché il nostro pensiero è altrove.

Trovare il significato del silenzio nella coppia

Non è facile tollerare i silenzi di chi ci sta accanto, di chi per noi è importante, perché questo implica il dove far i conti con i propri silenzi. Implica il fronteggiare la propria emotività, ricordando e riconoscendo le proprie emozioni, gli aspetti più profondi di sé stessi. Condividere un silenzio può essere un momento molto intimo in una relazione, una risorsa quando si tiene conto dei diversi significati che questo assume per noi e per il nostro partner.

Lo psicologo, può, in una consulenza di coppia, aiutare i partner a comprendere il significato dei propri silenzi, promuovendo la condivisione e l’intimità nella relazione.