Adolescenti, genitori e scuola

Le assenze e la reciprocità nelle relazioni scolastiche (I parte)

Perché uno studente si assenta?

 

Un tema che accomuna molti insegnanti è l’insofferenza verso il modo in cui gli studenti affrontano i loro doveri scolastici, secondo loro lo fanno in maniera superficiale, immatura, insufficiente. L’insofferenza più marcata comincia da quello più concreto di essere o meno presenti a scuola.

Per gli insegnanti, gli studenti sono troppo spesso assenti, lamentano l’assenteismo come pratica molto diffusa e si rammaricano che questa consuetudine abbia inevitabilmente ripercussioni sul programma di lavoro al momento di introdurre argomenti nuovi o di verificare l’apprendimento.

Le giustificazioni degli studenti, dalle più banali a quelle più importanti, non riescono in genere a modificare una convinzione di fondo degli insegnanti e cioè che la vera ragione di tante assenze è l’immaturità, lo scarso impegno scolastico, la scarsa voglia di lavorare.

L’atteggiamento assenteista sarebbe rinforzato dall’appoggio dei genitori che troppo spesso, per lo meno secondo gli insegnanti, non aiutano i figli a prendersi le loro responsabilità, ma anzi li proteggono e li assecondando coprendo le loro assenze.

Le relazioni scolastiche, come tutte le relazioni, sono rapporti di reciprocità affettivo-emotiva, e tutto ciò che avviene all’interno di questa reciprocità, rappresenta la forma che assume in quel momento quella relazione, possiamo perciò considerare l’assenza scolastica come un indicatore dell’andamento della relazione tra insegnante, studente e genitore in un determinato momento.

L’argomento assenze viene più facilmente studiato allo scopo di controllare e contenere il fenomeno e meno per comprenderlo. L’informatizzazione dei controlli, il calcolo e la classificazione delle assenze, le lettere di richiamo alle famiglie, caratterizzano un approccio  basato sull’idea che l’assenza sia illegittima e messa in pratica da pochi, mentre i dati statistici più recenti dicono che le assenze di oggi sono numerose, ricorrenti e messe in atto da sempre un maggior numero di studenti.

Quali sono le cause più comuni del comportamento assenteista?

Se facciamo riferimento alla letteratura e all’esperienza personale, possiamo fare un elenco orientativo:

a) per alcuni studenti, l’assenza sembra essere una forma di demarcazione dalla famiglia, un modo per avere un periodo di tempo tutto per sé fuori dal controllo familiare; nello stesso tempo (l’assenza) è una forma indiretta di richiesta di aiuto: uno studente si assenta più o meno consapevole del fatto che le sue assenze non saranno ignorate;

b) per alcuni studenti il carico di lavoro sia a casa che a scuola è avvertito come eccessivo e qualche giorno di assenza consente loro di recuperare energie e rimettersi in paro con i programmi. Anche il numero elevato di materie qualche volta tiene gli studenti lontano da scuola: le troppe materie comporterebbero un apprendimento superficiale e meccanico, di quantità di informazioni considerate eccessive;

c) l’assenza è un modo per non essere fagocitati dal sistema e perdere di vista quelli che sono gli interessi personali;

d) la noia; secondo gli studenti, certi insegnanti non sanno trasmettere la passione per la loro materia, o non sanno entrare in relazione con i propri studenti e la lezione si risolve in una sequenza di informazioni difficili da acquisire;

e) la mancanza di uno spazio dedicato alla comunicazione e alla conoscenza reciproca, alla considerazione dei propri interessi e delle proprie caratteristiche personali, rende a volte lo spazio scolastico un luogo troppo stretto dal quale ogni tanto ci si deve allontanare;

f) infine e non certo per ultimo, il problema della valutazione, la paura del voto, di essere interrogati, di essere valutati, il non saper/poter ancora distinguere tra voto (sulla prestazione) e giudizio personale (derivato dal voto).

Cosa può fare la famiglia per contrastare il fenomeno dell’assenteismo e prevenire quello più grave della dispersione scolastica?

Innanzitutto la famiglia si deve rendere conto se c’è un problema. La dispersione scolastica in genere non è improvvisa, ma preceduta da periodi abbastanza lunghi, anche di qualche anno, in cui lo studente mette in atto un comportamento assenteista sempre più marcato, con le più diverse giustificazioni. Spesso i genitori sono informati delle assenze dei figli, è importante che abbiano consapevolezza di quanto queste assenze siano legate a fattori contingenti, per esempio la non preparazione ad una prova o un malessere fisico e quanto siano invece legati da un filo comune se diventano troppo frequenti.

E’ importante che i genitori siano osservatori a distanza, che monitorino il rapporto del ragazzo con la scuola sia come qualità delle relazioni che costruisce con gli insegnanti e con i compagni, che come qualità dell’approccio allo studio; che sappiano quale sia il livello di autostima e il sentimento di capacità personale che muove il loro ragazzo.

Può succedere che i ragazzi si ritrovino in indirizzi di studi che non gli appartengono: scelte fatte nel corso della terza media senza magari un’idea chiara di quello che si vuole fare in futuro. In questo caso è importante che i genitori siano attenti ed eventualmente pronti ad intervenire anche con un cambiamento nell’indirizzo di studi se ritenuto necessario.

Le cause dell’assenteismo possono comunque essere tante, in un successivo post vi illustrerò i risultati di un questionario somministrato qualche anno fa in un liceo scientifico di Roma.